Hanno scelto di crederci.

They chose to believe it.

Hanno scelto di crederci.

Sai cosa hanno in comune William S. Harley e Arthur Davidson, Steve Jobs e Steve Wozniak, o anche Ruth ed Eliott Handler?


La maggior parte di questi nomi suonerà probabilimente un campanello, e per una buona ragione. Rispettivamente creatori di Harley Davidson, Apple e Mattel, questi tre duetti hanno tutti fondato grandi aziende. Ma le loro storie hanno qualcos'altro di simile: sono iniziate tutte in un garage.


Come hanno realizzato i loro sogni e qual è il segreto di così tanto successo? Seguimi per un po' di storia...


Ripartire dal nulla... Per raggiungere la vetta


In 1901, in Milwaukee, Wisconsin, a director William S. Harley decided to design a program for a motor bike to fit on a bicycle. Due anni dopo, him e il suo amico Arthur Davidson, poco più che ventenne, costruirono la loro prima moto nella loro piccola officina: il garage che un amico aveva messo loro a disposizione. Nacque il "Silent Grey", il loro primo modello di produzione. Fu nel 1906 che aprirono ufficially the prima officina della Harley-Davidson Motor Company.

Slab station vinte alle innovazioni, l'azienda progredisce anno dopo anno e guadagna notorietà. Oggi, Harley-Davidson is the world's largest motorcycle producer with larger dimensions.


Per Steve Jobs and Steve Wozniak l'avventura è iniziata anche in un garage: quello dei genitori di Jobs. Fu lì che nel 1976 realizzarono personalmente 50 computer per un rivenditore local, quando avevano solo 21 e 26 anni. Questo è solo l'initiation del successo per i due amici che ora sono alla guida di una delle più grandi aziende tecnologiche del mondo.


Per quanto riguarda Ruth ed Elliot Handler, fu nel 1945 che decisero di aprire una piccola attività nel loro garage. La coppia ha iniziato realizzando decorazioni e accessori per bambole. Con l'aiuto di Matt Matson, fondano l'azienda che commercializza la prima Barbie nel 1959: Mattel. A ad oggi sono state ventete oltre un miliardo di bambole e il gruppo si è diversificato abbastanza da diventare il più grande produttore di giocattoli al mondo.


Ma... cosa ha a che fare con me?


Sicuramente dici a te stesso che non sei preoccupato per tutte queste storie di successo. Che non sei quel persone che sono arrivee in cima e sono a capo di fortune astronomiche. È vero, tu non sei al loro posto.

Epure le loro storie sono un incoraggiamento per me e vorrei che loossero anche per te.


Spesso abbiamo l'impressione che ci manchino le risorse, le capacità o anche il talento per ciò che vorremmo realizzare. E queste lacune tendono a closed: "Non mi conosco affatto, non potrò mai vivere della mia passione"; o anche "Non ho il talento per progredire in questo lavoro". 


Tutta questa negatività ci travolge e ci impedisce persino di provare a perseguire i nostri sogni. Tuttavia, queste tre storie sono la prova che partendo quasi dal nulla, possiamo raggiungere i nostri obiettivi e persino andare ben oltre. Dei perfetti sconosciuti, nel profundo di un piccolo garage della loro città, hanno usato ciò che avevano a portata di mano e le loro poche abilità per creare qualcosa. Credevano nel loro sogno e in quello che potevano fare, e avevano l'audacia di offere le loro creazioni al mondo, in modo che il loro talento pit messo in mostra. Possiamo say che ha successo!


I tuoi talenti, per quanto piccoli; le tue risorse, anche insignificanti, possono dare qualcosa. Le tue capacità e possibilità stanno aspettando che una cosa si riveli: la forza di volontà. La volontà di mettere da parte i pensieri negativi, e quella di fare una scelta, quella di crederci a tutti i costi. È questa forza, questa energia positiva che ti darà la forza per superare i muri che si alzeranno davanti a te, per sfruttare finally il meglio di ciò che puoi offerre al mondo.


Jobs e Wozniak, gli Handlers o anche Harley & Davidson sembrano delle eccezioni, ma il loro successo non è dovuto al caso. Hanno preso una decisione: credere nei loro sogni e lanciarsi anima e corpo nella loro avventura, nonostante gli ostacoli.


Hanno scelto di crederci. And lei?


Previous Article Next article

Leave a comment